La libertà ai tempi di internet, ovvero come un dio diventa antipatico!!!!

… solo un’altra occasione di tornare qui sul campo ad urlare ai nostri nemici che possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà!

(William Wallace)

Questo era appunto W. Wallance mentre spronava i suoi prima di andare a combattere… ebbene credo che ancora una volta internet abbia dato senso a tutto questo.

Ma partiamo dall’inizio, stamattina apro come sempre iGoogle e trovo questo:

Nonciclopedia chiude e accusa Vasco Rossi, il web si divide

come sempre da buon “curioso”, mi butto sul pezzo e scopro che tutto questo è vero. Infatti sul sito campeggia questa scritta

mentre qui (spero ancora raggiungibile adesso che leggete), trovate le motivazioni e il perchè gli admin del sito hanno deciso di chiudere:

Nonciclopedia:Sospensione del servizio.

Ora per quei pochi che non lo conoscono, Nonciclopedia è un sito satirico che  sulla falsariga di Wikipedia descrive in modo dissacrante tutto… e tra questi c’era anche il Rossi che sembra se la sia presa un po’ per quello che era scritto sul suo conto…

Ora io non voglio giudicare e criticare nessuno, anche se resto dell’idea che se sei un personaggio pubblico gli scanzonamenti ci sono e ci saranno e tu da grande uomo devi saperli accettare, però vorrei porre l’attenzione, su come basta poco per passare da essere un idolo a essere distrutto… Caro Vasco, la rete non perdona e se fai autogol come in questo caso rischi tu (cit. Vasco Rossi)

Inoltre questo di stamani è il classico esempio di Effetto Streisand, ossia l’effetto di come un tentativo di censurare o rimuovere una informazione provoca al contrario l’ampia pubblicizzazione dell’informazione stessa!!!

Ecco il risultato su twitter:  #vascomerda, #vasco, #noncivasco, #nonciclopedia. Senza contare anche Facebook e la sua pagina ufficiale presa d’assalto: https://www.facebook.com/vascorossi.